logoorrcoloritestobianco2Matarrese
libro-antico

Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria!
Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c'era quando Caino uccise Abele,

quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l'infinito...

perché la lettura è una immortalità all'indietro (Umberto Eco)

Matarrese Editore - Via Taranto, 5 - 76123 Andria (BT) - Partita IVA: 06060260723 - Copyright © 2018. All Rights Reserved.​

NewCondition25
In stock

Autore: Felice PESTILLIPagine: 1250ISBN: 978-88-89534-42-7Formato: 15×21Data pubblicazione: Agosto 2017

UNA-VITA-DIVERSA

“Generazioni del Tempo”, sono i princìpi, i cominciamenti in ordine logico, mitopoietico, fisico, storico ed etico. Sia consentito un consuntivo del lavoro ermeneutico svolto, ossia dei princìpi in senso teoretico, etico, economico ed epistemologico, che sorreggono la presente ricerca. In sintesi, il mio pensiero si svolge per alcune fasi essenziali. I. Il periodo filologico, delle note di bibliografia crociana e Croce inedito, ‘Sul Testo e la fortuna della Poetica aristotelica’ e La provincia e l’umanità. E’ il periodo ispirato al verum ipsum factum di elezione vichiana, come di Filologia e Filosofia, “geminae ortae”. II. Il periodo di studi e ricerche dei “modi categoriali”: sentimento-memoria-tempo. “Non fu sì forte il padre”: Letture e interpreti di Croce; Questioni dello storicismo. I-II; Tempo e Libertà; Sant’Agostino e l’ermeneutica del tempo; le interpretazioni del “vitale” nell’ultimo, ma non solo nell’ultimo, Croce ne rappresentano i nuclei. III. Periodo di studi e ricerche di scienza e filosofia della scienza (periodo epistemologico). Filosofia e scienza, natura e storia ne formano i temi centrali. Libri maturi e significativi sono: il Popper (Epistemologia ed ermeneutica nel pensiero di Karl Popper, Schena, Fasano 1986); Ipotesi e problemi per una filosofia della natura e ‘Wegdenken’. Ricomposizioni su Nietzsche e Heidegger (Adda, Bari 1987 e 1988); L’azione a distanza e i due volumi pascaliani (Pascal e l’ermeneutica; Pascal. Scritti matematici, rispettivamente Fasano 1990, 1989 e 1991); con Storicismo e scienza, e altro. IV. Il periodo ‘sistematico’. I. Antropologia come dialettica delle passioni e prospettiva (in due tomi. 1. Dal mondo antico a Mozart. 2. Da Kant al postmoderno); II. Epistemologia come logica dei modi categoriali; III. Cosmologia come sistema delle scienze di frontiera; IV. Teoria della Tetrade (Laterza, Bari-Andria, anni 1998-2002). V. Periodo degli studi su Utopia e distopia e il problema del male (avente come turning point il “1994” e Orwell attualizzato); “1994”. Critica della ragione sofistica; le Ipotesi su Pico; Ethos e kratos; L’anima e l’Occidente – Filosofia del giusto; Carl Gustav Jung e la “enantiodromia”; Croce e l’ Anticristo che è in noi, con La fine della civiltà (risalenti entrambi al 1946, assiduamente rivisitati). VI. Periodo della ermeneutica “adulta”. Orwell e Huxley, Tolstoj e Dostoevskij; Thomas Mann: Il sogno di Castorp e il progetto di Pico; Joyce dopo Joyce; Tra Vico e Joyce. Quaternità e fiume del tempo; Eliot e Joyce; La profezia e l’ipotesi – con interne trasmigrazioni a scalare – ne definiscono i poli attrattivi. VII. ‘Summa’. Codeste due ultime fasi s’intrecciano, confluendo come in una Summa, in Il vivente originario (saggio sulla filosofia di Schelling, i suoi temi e problemi, la sua attualità); Tempo e Idee. ‘Sapienza dei secoli’ e reinterpretazioni (entrambi con prefazione di Franco Bosio, Libertates Libri, Milano 2013 e 2015); I conti con il male. Ontologia e gnoseologia del male (Laterza, Bari 2015); Ettore Tesorieri e Torquato Accetto; Le “guise della prudenza”. Vita e morte delle nazioni da Vico a noi (tutti con Iconografia, ivi 2015 e 2017); ed Italo Calvino e Andria. Variazioni del senso del celeste (Matarrese, Andria 2016)…

Create a website